• La storicAgricola

Esperimenti culinari

La premessa è che non voglio trasformare questo blog in un food-blog.

Non mi reputo una "blogger seria", figuriamoci un'influencer tra i fornelli, o una food-blogger!

Però mi sto documentando, e non poco sull'utilizzo delle mie amate erbe aromatiche e di quelle spontanee. Complice anche un libro che vi suggerisco e del quale mi sono appassionata: "La cuoca selvatica" di Eleonora Matarrese, edito dalla Bompiani.


Fremo nell'attesa che la borragine e il tarassaco facciano capolino nei miei prati con i primi caldi primaverili e oggi mi sono dovuta "accontentare" di ciò che è ancora presente nel mio piccolo orto a gradoni dietro casa: rosmarino, salvia e finocchietto selvatico.


Con pochi ingredienti ho preparato alcuni mini sformati alla carote ed erbe aromatiche!

Ecco la mia ricetta, ormai provata e riprovata e un po' personalizzata:


  • 200 grammi di carote (peso netto già privato degli scarti)

  • 100 grammi di ricotta fresca

  • Parmigiano Reggiano grattugiato a piacere

  • Salvia, Finocchietto Selvatico e Rosmarino a piacere

  • 30 grammi di pane grattugiato

  • 20 grammi di farina di polenta

  • sale q.b. e se lo amate... un pizzico di pepe


Procedimento:

Ho pulito e tagliato a rondelle le carote, successivamente lessate al vapore per mantenerne intatti colore e principi nutritivi. In una ciotola a parte ho mescolato la ricotta, il Parmigiano Reggiano, il pane grattugiato e la farina di polenta (che ravviva ancora di più il bel colore arancione dell'impasto!).




Infine ho colto le mie erbe e le ho aggiunte una volta lavate ed asciugate. Infine ho versato le carote e ho passato il tutto al mixer.




Con l'impasto ottenuto potete scegliere se utilizzare il sac'à poche e creare delle forme "a crocchetta", oppure usare una piccola cocotte in terracotta, o ancora, se come me avete delle "vecchie" formine in alluminio, riempire questi piccoli stampi ormai un po' démodé!



Acceso il forno a 170°, infornate per una 20ina di minuti circa. Se volete una crosticina più brunita potete lasciare l'impasto una decina di minuti in più.


Il risultato è un contorno sfizioso -e anche un po' d'effetto, diciamolo-, oppure un'éntrée che potrete guarnire con le vostre erbe!



Bon appétit!



36 visualizzazioni

© 2020 La storicAgricola di Chiara Palumbo - Tutti i diritti riservati